Sei in » Cronaca
27/05/2016 | 10:04

Dopo la denuncia/querela presentata dalla ex moglie, gli agenti del Commissariato di Taurisano hanno eseguito un misura cautelare agli arresti domiciliari - emessa dal GIP di Lecce, dott. Carlo Cazzella - nei confronti di un 37enne ugentino, accusato del reato di stalking.


stalking (ph. repertorio)


Taurisano. Tutto è partito dalla denuncia/querela presentata dalla ex moglie. Sullo sfondo di questo ennesimo e triste episodio, degli atti di violenza fisica e psichica, peraltro reiterati nel tempo. Addirittura, costui venne già indagato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia (anche in presenza dei figli minori), violenza privata e violazione di domicilio. Poi, nel pomeriggio di ieri, il provvedimento: il personale della Polizia di Stato del Commissariato di Taurisano ha proceduto all'esecuzione dell'ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari – emessa in data 24.05.2016 dal G.I.P. del Tribunale di Lecce, Dr. Carlo Cazzella – a carico di 37enne di Ugento, per il reato di stalking.

L’indagato avrebbe – stando alle indagini della Polizia – posto in essere condotte violente ai danni della ex moglie, seguendola nei suoi spostamenti ed addirittura appostandosi nei pressi dei luoghi da lei frequentati; offendendola ed umiliandola in numerose circostanze, minacciando di ammazzarla, aggredendola fisicamente tanto da procurarle lesioni. E ciò, come anticipato in apertura d’articolo, anche in presenza dei figli minori; in più occasioni l’uomo, inoltre, si sarebbe introdotto abusivamente all'interno dell'abitazione della donna, permanendovi contro la sua volontà.

Tali comportamenti eseguiti, tra le altre cose, contravvenendo all'ordine provvisorio di protezione familiare emesso nel settembre 2015 dal Tribunale Civile di Lecce. Documento che disponeva il suo allontanamento dalla casa familiare e dai posti frequentati dalla ex moglie. Delle azioni, questo, tutte a discapito alla ex moglie, in perenne stato d'ansia e preoccupata per la sua incolumità.

Dopo le formalità di rito, l’uomo è stato posto agli arresti domiciliari presso la propria dimora con prescrizione di non allontanarsi senza preventiva autorizzazione.

E, oltre a ciò, non comunicare con persone diverse da quelle che con lui coabitano o convivono, neppure tramite telefono o in via telematica, in particolare con la ex moglie.






Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |