Sei in » Cronaca
10/05/2017 | 14:22

Arrestato il 37enne di Taurisano denunciato prima per ricettazione e meno di 24ore dopo anche per il furto in una lavanderia del paese. Per lui si sono aperte le porte del Carcere di Lecce dopo la revoca del beneficio dell'affidamento in prova ai servizi sociali.


Il materiale rubato


Taurisano. Non era bastato avere sulle spalle il peso di una denuncia in stato di libertà per ricettazione, scattata dopo essere stato ‘pizzicato’ con alcuni oggetti rubati in casa di un anziano. Meno di ventiquattrore dopo, il 37enne di Taurisano – non contento – si è messo di nuovo nei guai, questa volta con l’accusa di aver messo a segno un furto all’interno di una lavanderia.
  
Ad incastrarlo, le telecamere di videosorveglianza che hanno permesso ai poliziotti di ricostruire con dovizia di particolari quanto accaduto e risalire all’autore: la visita nel lavasecco gli aveva fruttato un ‘discreto’ bottino fatto di un televisore lcd, letteralmente sradicato dalla parete, e di alcuni oggetti solitamente utilizzati per la pulizia, fra cui un’aspirapolvere. Autorizzati dal magistrato di turno, gli agenti sono andati a bussare alla porta dell’abitazione del 37enne per una perquisizione domiciliare, ritrovando come sospettato la refurtiva.
  
Insomma, le due denunce collezionate in tempo record sono costate care all’uomo che questa mattina è stato arrestato dai poliziotti del locale commissariato. 
  
Il Magistrato di Sorveglianza di Lecce, infatti, alla luce dei due fatti avvenuti in appena due giorni, ha emesso questa mattina un decreto che sospende provvisoriamente il beneficio dell’affidamento in prova al Servizio Sociale. Una decisione che era nell’aria dopo la richiesta di revoca della misura. Di conseguenza, per il 37enne si sono aperte le porte del carcere di Borgo San Nicola.  




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |