Sei in » Cronaca
04/07/2015 | 10:18

La scoperta a seguito di una denuncia per furto da parte di un 35enne. Dopo aver scandagliato il web i Carabinieri sono riusciti a risalire al giovane che custodiva in casa gli oggetti. Denunciato per ricettazione.


computer


Taurisano. I militari della Stazione dei Carabinieri di Salve, nel pomeriggio, di ieri hanno deferito in stato di libertà per il reato di ricettazione, R.A., 25enne, residente a Taurisano.
 
L'attività di indagine che ha portato alla denuncia del giovane rientra in una vasta attività di prevenzione e repressione condotta dai militari dell’Arma del Capo di Leuca finalizzata al contrasto di reati predatori e, nello specifico, ai furti nelle abitazioni.
 
I militari della Stazione di Salve a seguito di una serie di denunce di furto perpetrate ai danni di alcune dimore marine e rurali hanno immediatamente iniziato ad intensificare le indagini volte all'individuazione degli autori dei furti ma, soprattutto, al recupero della refurtiva e, in un’era in cui  internet, le app e i social forum la fanno da padrone, le investigazioni non posso prescindere dal web, dove, spesso, gli investigatori possono trovare proprio ciò che cercano.
 
Ed è proprio così sono andate le cose anche nel corso di questa indagine lampo dei Carabinieri che, a seguito di una denuncia di furto da parte di un 35enne del posto, hanno iniziato a osservare il web al fine di verificare se la refurtiva fosse stata inserita in annunci sui principali siti online di rivendita di oggetti usati.
 
A seguito della ricerca su internet, infatti, i militari hanno individuato alcuni attrezzi da giardinaggio rubati lo scorso 29 giugno ai danni del vittima, tutti venduti, accompagnati da un numero di telefono intestato al giovane taurianese incensurato.
 
A seguito della scoperta, poi, i Carabinieri hanno dato il via a una  perquisizione domiciliare presso l'abitazione del ragazzo con l'ausilio anche dei colleghi della Stazione di Taurisano.
 
All'interno della casa sono stati ritrovati: un  decespugliatore marca “Alpina” mod. Cj300; una motosega marca “Alpina” mod. Cj300; una mascherina protettiva e materiale vario per il giardinaggio.
 
La refurtiva, del valore di circa 1.000 euro, una volta riconosciuta, è stata riconsegnata al proprietario.
 
Sono tutt’ora in corso nuove indagini che vertono su altri annunci che il giovane ha inserito.




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |